Cosa ne pensi dell’amicizia tra uomo e donna ?

Grazie ragazzi, ho aperto il Blog non molto tempo fa e scopro dagli ultimi report che riceve attenzioni in crescendo e questo mi riempie di gioia. Per festeggiare il mio successo ho deciso di affrontare un argomento particolarmente impegnativo e “spinoso”: il rapporto di amicizia tra uomo e donna.
Parlando di questo argomento con diversi amici, tra una piadina e un cappelletto, ho riscontrato che c’è una visione unanime su un punto, un’amicizia tra persone dello stesso sesso non potrà mai essere equiparata ad un’amicizia tra persone di sesso opposto.
Pur ammettendo che si possano creare dei rapporti di complicità e rispetto tra persone di sesso opposto, sarà realmente difficile parlare di amicizia con la A maiuscola quando uno dei due ha un interesse di natura diversa. Spesso capita che un uomo possa accettare l’amicizia di una donna solo come status temporaneo, e possa dare del tempo a questo rapporto in attesa di improbabili sviluppi. Inconsciamente accettando questo rapporto come un “premio di consolazione” ma covando dentro di se l’intima speranza che il rapporto possa evolvere. Cosa che difficilmente potrà avvenire. Amicizia e amore pur partendo da una base simile sono sentimenti lontani tra loro.
Esiste un elemento fondamentale nelle relazioni, il fattore tempo. Spesso, si crede erroneamente che per una relazione di amore sia necessario che passi del tempo, si stabiliscono delle regole per cui ad esempio per un ragazzo “mai provarci al primo appuntamento”, quasi che l’uomo sia fatto di sola anima e le relazioni debbano sottostare a delle regole per essere vere e sane.
Io credo che non ci siano regole e che ogni rapporto debba seguire il suo naturale corso senza che ci si diano dei tempi o delle scalette su cosa fare o cosa non fare.
A volte le ragazze cercano di rispondere ad un bisogno di condivisione e di affetto circondandosi di “falsi” amici, rimanendo poi stupite dei comportamenti incoerenti che questi hanno nei loro confronti. O peggio inizino un rapporto con altri presupposti ma cerchino di ripiegare verso un rapporto di amicizia solo fondamentalmente per un’insicurezza latente sui propri desideri o sulla gestione di un rapporto di coppia uomo/donna, o peggio per soddisfare altri bisogni.
Ora mi chiedo perchè un uomo dovrebbe sprecare del tempo in una relazione FALSA, il tempo è un elemento fondamentale della propria esistenza e volendolo passare in amicizia è importante che lo si VIVA con VERI amici parlando e non chiacchierando del più e del meno.
Perché nasca una relazione sono necessari pochi minuti, 20/30 minuti sono sufficienti per far nascere la reciproca consapevolezza che possa nascere un rapporto.
Due persone potranno decidere di prendersela con calma ma nella consapevolezza che nulla potrà cambiare da quei primi 30 minuti o si potrà aggiungere, tutto in realtà diventerà più complesso alla ricerca di quel momento giusto, che in realtà non arriverà mai, poiché il momento giusto è adesso.
Ciò che non si riesce ad ottenere in qualche ora, non è assolutamente detto che la si potrà ottenere in una settimana o nei mesi successivi.
Infatti, la seduzione non è una questione di tempo ma è un qualcosa che porta due persone a comunicare ad un livello più intenso, a raggiungere un’intimità a cui il mondo esterno sarà estraneo.

Grazie ragazzi, ho aperto il Blog non molto tempo fa e scopro dagli ultimi report che riceve attenzioni in crescendo e questo mi riempie di gioia. Per festeggiare il mio successo ho deciso di affrontare un argomento particolarmente impegnativo e “spinoso”: il rapporto di amicizia tra uomo e donna.

Parlando di questo argomento con diversi amici, tra una piadina e un cappelletto, ho riscontrato che c’è una visione unanime su un punto, un’amicizia tra persone dello stesso sesso non potrà mai essere equiparata ad un’amicizia tra persone di sesso opposto.

(altro…)

Continua a leggere

Vuoi controllare le tue EMOZIONI ? I SEI GRADINI di Tony R.

Ciao amici da qualche giorni rifletto sulle emozioni e sulle implicazioni che queste hanno sulla mia vita. Sono ormai a conoscenza dell’importanza del controllo sugli stati emotivi e di quanto stati emotivi “depotenzianti” influiscano negativamente sulla determinazione nel raggiungere i miei obiettivi personali. Anche per questo,  a seguito di ultimi eventi ho deciso oggi di rivedere gli appunti di Tony e di condividerli con voi amici, e del resto chi di voi non prova emozioni ? Quindi credo che questi miei “appunti” vi potranno essere utili, se non altro per leggerli con un punto di vista diverso !

(altro…)

Continua a leggere

UPW Roma09 Unleash the power within Anthony Robbins

n’esperienza che mi ha cambiato
Energia pura, tanto da far tremare il palazzo della fiera, più di 5000 persone da 45 paesi diversi, si sono date appuntamento nella nuova fiera di Roma per 4 giorni dalle 9 di mattina alle 23,24. Tra questi anche io, ho avuto la possibilità di vivere questa esperienza, di rinascere con gli occhi di un bambino. γνωθι σεαυτόν diceva Socrate centinaia di anni fa, questo concetto non mi è stato mai così chiaro come adesso.
Ripensando a questi 4 giorni la mia mente ritorna al carisma di Anthony, capace di tenere una platea eterogenea in stato di attenzione (peak state) per così tante ore intervallate da pause di soli 30 minuti giornalieri, sfidando qualsiasi regola di comunicazione che vuole un calo di attenzione dopi solo 40 minuti durante una relazione pubblica. Incredibile lo stato che definirei di ipnosi di massa, teso a potenziare le emozioni e a spingere la nostra mente oltre il conscio, lasciando un’impronta vivida nelle nostre coscienze. Pnl, ipnosi e tanta psicologia pratica, orchestrata da una regia impeccabile, hanno reso possibile veri e propri riti di massa, spingendo i partecipanti oltre le proprie inibizioni, oltre i propri “blocchi”mentali, in poco tempo, pochissimo in barba alla psicologia tradizionale.
I partecipanti eterogenei sia per età che per identità si sono stretti in un unico abbraccio dichiarando l’amore per se stessi e per la vita, ricordando i valori dei bambini, la meraviglia per l’essere in quanto tale e la potenza di un pensiero proattivo.
Tante informazioni “pratiche” da manuale “fai da te”, ci hanno riportato all’angolino del buonsenso da cui tutto sembra più vero e possibile.
Anthony Robbins spiega che attraverso il modellamento delle personalità eccelse nel mondo è possibile raggiungere gli stessi standard, certamente ovvio ma ha volte è necessario che la verità arrivi da una voce esterna con tutta la sua forza. Seguendo una strategia vincente è possibile raggiungere un risultato di eccellenza in breve tempo, in questo si racchiude il pensiero possibilista di Tony.
Durante queste giornate vengono toccate tutte le sfere della vita: denaro, successo, salute, contributo alla società , dopo il punto di vista di questo oratore tutto sembra più chiaro, e più chiaro è il percorso personale che si vuole seguire nella vita. I sogni diventano reali e perseguibili, perché tutto ciò che può essere visualizzato può essere raggiunto dall’uomo e la storia è piena di esempi di grandi uomini partiti dal nulla e arrivati a raggiungere nel bene e nel male la loro visione, contro ogni pronostico e senso comune.
If you can’t that you must questo lo slogan che ci ha seguito durante i lavori, testimonianze di persone che hanno saputo interpretare e seguire il modello di eccellenza insegnato da questo maestro, e chiedere a se stessi standard sempre più elevati. Hanno saputo mettere in discussione se stessi e il “proprio mondo” alla ricerca dei propri sogni.

Un’esperienza che mi ha cambiato la vita.

Energia pura, tanto da far tremare il palazzo della fiera, più di 5000 persone da 45 paesi diversi, si sono date appuntamento nella nuova fiera di Roma dal 25 al 28 Settembre per 4 giorni dalle 9 di mattina alle 23/24. Tra questi anche io, ho avuto la possibilità di vivere questa esperienza, di rinascere con gli occhi di un bambino;

γνωθι σεαυτόν diceva Socrate centinaia di anni fa, questo concetto non mi è stato mai così chiaro come adesso.

(altro…)

Continua a leggere
Chiudi il menu
×
×

Carrello