Pinto: A chi si propone la domanda

Per garantire la terzietà e l’indipendenza del Giudice chiamato a decidere sulla domanda di risarcimento, è stato previsto che questi non appartenga al medesimo distretto di Corte d’Appello.
È perciò stabilita un’apposita tabella che serve ad individuare il diverso Giudice competente: quest’ultimo è sempre rappresentato dalla Corte d’Appello più vicina sotto il profilo territoriale a quella cui appartiene il Giudice avanti al quale si è svolto il procedimento che è oggetto di contestazione.
La domanda di equa riparazione si propone dinanzi alla corte d’appello stabilita in base alla tabella A allegata all’art. 7 della legge 2 dicembre 1998, n. 420.
Esempio: se il processo si è svolto presso la corte di appello di Napoli, la domanda di equa riparazione per eccessiva durata del processo si propone alla corte di appello di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.